Home » Archivio » XXIII Domenica del Tempo Ordinario (8 Settembre 2013)

XXIII Domenica del Tempo Ordinario (8 Settembre 2013)

XXIII Domenica del Tempo Ordinario (8 Settembre 2013) - Vivi la Parola

«Fa’ risplendere il tuo volto sul tuo servo e insegnami i tuoi decreti.»

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 14, 25-33)

In quel tempo, una folla numerosa andava con Gesù. Egli si voltò e disse loro: «Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo. Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: “Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro”. Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace. Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo».

 

don Aldo:

Le grandi folle al seguito di Gesù erano composte da poveri, storpi, ciechi, zoppi e tante altre persone che vivevano sulla strada e si riparavano nei fossi. Il Maestro avverte il suo popolo che la festa continuerà e sarà piena se il “sì” a Dio è completo e totale.
Neanche gli affetti più intimi devono prendere il posto di Cristo. Preferire Gesù a tutti e a tutto vuol dire spogliarsi di se stessi e non anteporre nulla a Lui. Anche quando la croce è pesante da portare è sempre un atto d’amore e scegliendolo si partecipa alla storia della salvezza.
Entrare nel Regno di Dio è una risposta alla sua chiamata, con la consapevolezza di far parte di un mondo nuovo, una vita nuova. Testimoniare Cristo non è lasciarsi guidare dall’emozione del momento, ma compartecipare attivamente alla vita del Risorto.
In tanti sono pronti a dire a Gesù che lo seguiranno ovunque, come l’apostolo Pietro, ma poi, una volta dietro l’angolo, scappano, tradendolo. Non basta agire per impulso, ma bisogna intraprendere in modo serio la via della conversione.
Chi si adagia nel peccato è come un ateo che conosce tante cose sul Signore, ma non le vive. Scegliere davvero il Salvatore significa camminare passo dietro passo con Lui, nelle decisioni di ogni giorno. L’unione con Gesù è segno di speranza per tutti.
Il criterio per vivere in pienezza la chiamata al matrimonio è che i due sposi mettano al centro l’Onnipotente e compiano la sua volontà.
Il rischio per i cristiani è di percorrere un cammino di fede apatico e superficiale, cercando il regno dell’interesse e del profitto, anziché il Regno di Dio. Solo chi decide di seguire il Maestro in ogni situazione, fausta ed infausta, è capace di attuare la storia di Cristo e non le proprie “storie”. La vera vita si ritrova solo perdendola per il Creatore.


Commento alle letture di Domenica 8 Settembre 2013 di Paolo Ramonda  
(Responsabile Generale della Comunità Papa Giovanni XXIII fondata da don Oreste Benzi)

GLI UOMINI FURONO SALVATI PER MEZZO DELLA SAPIENZA. La precarietà dell’ esistenza umana è sotto gli occhi di tutti. Molti ci lasciano e noi ci chiediamo con le nostre riflessioni quale sia la volontà di Dio. Nasciamo, fatichiamo e moriamo, che senso ha tutto questo? Come essere salvati dai pericoli materiali e spirituali? Concedimi o Signore la tua sapienza, perché io sono tuo servo, uomo debole e di vita breve. Manda la tua sapienza che mi guidi prudentemente nelle mie azioni. Mandaci il tuo santo Spirito, Padre buono.
TE LO RIMANDATO LUI IL MIO CUORE. Paolo prigioniero di Cristo Gesù ha dedicato la sua vita al vangelo, alla costruzione della chiesa e della comunità. Rende grazie per ogni cosa, prega incessantemente, gioisce della carità che vede nei suoi fratelli, sollecita alla via della santità. Ormai vecchio vuole solo più il bene senza alcun male, vuole la libertà di tutti in Cristo “ perché il bene che fai non sappia di costrizione ma sia spontaneo”. Fa scrivere tutto sul suo conto, vuole pagare di persona. Dice don Oreste Benzi : “ chi prima capisce, prima ama ed è responsabile”. Facci il dono o Signore di questo amore per i fratelli.
SE UNO VIENE A ME E NON ODIA.. Ma Gesù non è venuto ad insegnarci l’amore a tutti, universale, addirittura ai nemici? Gesù non domanda odio, ma il distacco completo e immediato nel seguirlo senza accumulare beni, senza voltarsi indietro. Tutti gli affetti più belli devono essere preceduti dall’amore a Dio, anche la stessa nostra vita ha la pienezza della gioia nella relazione con l’Assoluto. “ chi non porta la propria croce e non viene dietro di me , non può essere mio discepolo”. Questo vale per tutti quelli che lo vogliono seguire.
Maria madre della sapienza che hai seguito Gesù in tutto il suo cammino fino alla croce donaci la capacità di leggere nell’insieme il dono che ci viene fatto di partecipare della salvezza dell’umanità nella sua resurrezione.

 

 

 

 

Commento al Vangelo di Don Oreste Benzi 
(Commento pubblicato su Pane Quotidiano, editore Sempre) 

È impressionante ed è ben documentato che il cristianesimo è nato fra i prigionieri, i poveri, gli oppressi e per questo si è divulgato rapidissimamente in tutto il mondo di allora(l’umanità allora contava 200 milioni di persone). Il biglietto da visita di Gesù (Lc 4,18) faceva presa forte e veloce presso i poveri il cui grido saliva, e sale anche oggi, a Dio. Gesù però avvertì questa gioiosa massa di popolo che la via nuova intrapresa comportava persecuzioni, sofferenza, martirio, a causa di coloro che detenevano incatenata la verità nell’ingiustizia. Chi sono, allora come oggi, gli sfruttati? Sono uomini, donne e bambini resi schiavi per lo sfruttamento del sesso, sono i diseredati, gli emarginati, i tossicodipendenti, i senza tetto, le vittime dei signori della guerra e di tutti coloro che hanno come dio il denaro e Satana, le vittime di tutti coloro che sfrattano Dio del loro cuore e si fanno dio di se stessi. Noi che abbiamo scelto Gesù saremo perseguitati perché portiamo via la preda di questi signori del male!
Il calcolo delle spese (delle fatiche) non va trascurato purché si scelga Gesù e anche le fatiche. E questo è bello: amando Gesù si amano anche le fatiche per seguirlo, altrimenti non siamo come il samaritano e dopo un po’ di strada gettiamo di nuovo la vittima nel fosso. Che ne pensi?

 
Vivi la Parola

Papa Francesco

Vivi la Parola

Il blog di don Aldo Buonaiuto

Vivi la Parola

Segui tutte le celebrazioni di Papa Francesco in DIRETTA TV

LINK UTILI

LINK UTILI - Vivi la Parola

Sito ufficiale della Santa Sede

LINK UTILI - Vivi la Parola

Sito ufficiale della Conferenza Episcopale Italiana

LINK UTILI - Vivi la Parola

Sito del quotidiano cattolico Avvenire

LINK UTILI - Vivi la Parola

Sito dell'agenzia di informazione religiosa

LINK UTILI - Vivi la Parola

Il mondo visto da Roma: sito dell'agenzia internazionale di informazione religiosa

LINK UTILI - Vivi la Parola

Sito del settimanale della diocesi di Fabriano-Matelica

LINK UTILI - Vivi la Parola

Il Vaticano oggi

Vivi la Parola

Il bimestrale tascabile che ti offre la Parola di Dio di ogni giorno

Vivi la Parola

IN TERRIS: Quotidiano internazionale on line