Home » Archivio » X Domenica del Tempo Ordinario (9 Giugno 2013)

X Domenica del Tempo Ordinario (9 Giugno 2013)

X Domenica del Tempo Ordinario (9 Giugno 2013) - Vivi la Parola

Un grande profeta è sorto tra noi, e Dio ha visitato il suo popolo.

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 7, 11-17)

In quel tempo, Gesù si recò in una città chiamata Nain, e con lui camminavano i suoi discepoli e una grande folla. 
Quando fu vicino alla porta della città, ecco, veniva portato alla tomba un morto, unico figlio di una madre rimasta vedova; e molta gente della città era con lei. 
Vedendola, il Signore fu preso da grande compassione per lei e le disse: «Non piangere!». Si avvicinò e toccò la bara, mentre i portatori si fermarono. Poi disse: «Ragazzo, dico a te, àlzati!». Il morto si mise seduto e cominciò a parlare. Ed egli lo restituì a sua madre. 
Tutti furono presi da timore e glorificavano Dio, dicendo: «Un grande profeta è sorto tra noi», e: «Dio ha visitato il suo popolo». 
Questa fama di lui si diffuse per tutta quanta la Giudea e in tutta la regione circostante.

.

 



don Aldo:
 

Gesù, passando per la città di Nain, si imbatte in un corteo funebre dove incontra una donna, una vedova non ebrea. Per capire la tragicità narrata nelle parole dell’evangelista Luca, dobbiamo scendere nel contesto storico e, in particolare, riflettere sulla critica condizione sociale delle vedove in Palestina: quando una donna rimaneva sola, senza dunque un uomo che se ne prendesse cura, rischiava di morire di fame. È dunque ancor più comprensibile lo strazio della protagonista, già colpita dalla tragedia per la perdita del marito e ora anche dell’unico figlio. 
In questo scenario apparentemente senza speranza brilla la figura di Gesù che prova compassione per la donna; compatire significa letteralmente “patire con”, soffrire per le sventure dell’altro. Il Maestro capovolge la situazione in modo inaspettato ed imprevedibile, sconfiggendo addirittura la morte e riportando gioia e vita oltre ogni possibile aspettativa.
Il Signore, prima di operare un miracolo, vive su di sé il dolore del fratello, della sorella come fosse il suo. Chiunque si avvicina ad un cristiano per chiedere un consiglio per i propri affanni, prima ancora di aspettarsi la soluzione pratica ai suoi problemi, ha assoluto bisogno di sentirsi amato, ascoltato, accolto.
Molte persone stimano Gesù, ma l’ammirazione non sempre si trasforma in conversione. Perché avvenga in noi un reale cambiamento, non basta rimanere stupiti e affascinati dalle opere dell’Unigenito, ma bisogna sceglierlo con tutto il cuore. Allora diventeremo anche noi testimoni di vita eterna.
Come cristiani dobbiamo adoperarci per rompere le catene che legano milioni di individui alla povertà e al dolore, non permettendo che continuino a perpetrarsi gravi ingiustizie sulla pelle dei più poveri.
Il Figlio di Dio rappresenta, con la sua resurrezione, la pietra fondante della Chiesa. Egli percepisce le fatiche, le paure, le sofferenze di ogni uomo stringendo l’umanità al suo cuore pieno d’amore.

 

 


Commento alle letture di Domenica 9 Giugno 2013 di Paolo Ramonda 
(Responsabile Generale della Comunità Papa Giovanni XXIII fondata da don Oreste Benzi) 

GUARDA TUO FIGLIO VIVE. Tutta l’umanità è afflitta, geme e soffre con malattie che non riesce a guarire nonostante i passi in avanti della scienza, sofferenze dell’anima e della psiche, violenze e disastri naturali a causa della incuranza del creato. Ma in tutta questo travaglio c’è la presenza di Dio che dà senso e speranza e gli uomini di Dio, i suoi profeti che camminano insieme agli uomini e donne condividendone gioie e dolori. Dice don Oreste Benzi: “la gente rimane affascinata non da quello che fai, ma da come sei in tutto ciò che fai. Dice quello è un uomo di Dio, quella è una donna di Dio”. Abbiamo bisogno nella giornata di toccare qualcosa di Dio, la sua Parola, il suo corpo ed il suo sangue, il suo perdono, i suoi piccoli, i poveri, i fratelli e sorelle, il prossimo da amare. Che il Signore non ci lasci in pace, ci tormenti un po’ per essere profeti di Dio.
PERSEGUITAVO FEROCEMENTE LA CHIESA DI DIO. Paolo apostolo non si dà pace, perché per un certo tempo si accanisce contro i cristiani, fintanto che il Signore non lo prende e lo manda ad essere apostolo dei pagani e a dare la vita fino agli estremi confini del mondo. Anche noi forse per un po’ abbiamo dato contro i comandamenti della chiesa che sono i comandamenti di Gesù. Ma ad un certo punto lui, il Signore ci ha presi e ci ha attirati a sé e ci ha mandati a portare e vivere il suo vangelo. Che bella responsabilità, insieme ai fratelli e sorelle nella fede, con i nostri pastori i vescovi annunciare la bella notizia della condivisione con i più poveri, per fare splendere la luminosa vita nuova di chi si converte all’amore e alla verità.
NON PIANGERE. Gesù è venuto per portarci la vita in sovrabbondanza, per vivere bene su questa terra ed avere la vita eterna insieme a persecuzioni. Gesù porta a compimento l’amore del Padre per i piccoli ed i poveri, per gli orfani e le vedove, per gli storpi, i ciechi, gli zoppi, per tutte le situazioni di emarginazione. Sente compassione e vuole manifestare con i suoi segni che Dio ha visitato il suo popolo. I miracoli anche oggi avvengono, sia straordinari, sia quelli più comuni, i miracoli dell’amore, dove nel silenzio e nella fedeltà al compito ricevuto ci si dona completamente ai fratelli. I miracoli della condivisione, i miracoli dell’amore coniugale fedele fino alla morte, i miracoli della paternità e maternità oblativa.
Come Maria che ancora oggi continua ad accompagnarci sulle strade del mondo indicandoci la strada, orientandoci decisamente a Gesù. Maria che in fretta vieni e ci soccorri, prendici per mano.

Vivi la Parola

Papa Francesco

Vivi la Parola

Il blog di don Aldo Buonaiuto

Vivi la Parola

Segui tutte le celebrazioni di Papa Francesco in DIRETTA TV

LINK UTILI

LINK UTILI - Vivi la Parola

Sito ufficiale della Santa Sede

LINK UTILI - Vivi la Parola

Sito ufficiale della Conferenza Episcopale Italiana

LINK UTILI - Vivi la Parola

Sito del quotidiano cattolico Avvenire

LINK UTILI - Vivi la Parola

Sito dell'agenzia di informazione religiosa

LINK UTILI - Vivi la Parola

Il mondo visto da Roma: sito dell'agenzia internazionale di informazione religiosa

LINK UTILI - Vivi la Parola

Sito del settimanale della diocesi di Fabriano-Matelica

LINK UTILI - Vivi la Parola

Il Vaticano oggi

Vivi la Parola

Il bimestrale tascabile che ti offre la Parola di Dio di ogni giorno

Vivi la Parola

IN TERRIS: Quotidiano internazionale on line