Home » Archivio » Battesimo del Signore (Domenica 13 Gennaio 2013)

Battesimo del Signore (Domenica 13 Gennaio 2013)

Battesimo del Signore (Domenica 13 Gennaio 2013) - Vivi la Parola

Si aprirono i cieli e la voce del Padre disse: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!».

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 3, 13-17)

In quel tempo Gesù dalla Galilea andò al Giordano da Giovanni per farsi battezzare da lui. 
Giovanni però voleva impedirglielo, dicendo: «Io ho bisogno di essere battezzato da te e tu vieni da me?». 
Ma Gesù gli disse: «Lascia fare per ora, poiché conviene che così adempiamo ogni giustizia». Allora Giovanni acconsentì. 
Appena battezzato, Gesù uscì dall'acqua: ed ecco, si aprirono i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e venire su di lui. 
Ed ecco una voce dal cielo che disse: «Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto».




don Aldo 

La sottomissione di Gesù ad un rito di pentimento quale il battesimo si spiega nel contesto della rivelazione cristiana tenendo presente il mistero dell’incarnazione. Pur non avendo peccato, è stato trattato da peccatore e si è fatto in tutto uguale ai fratelli. Non ha frapposto nulla tra lui e l’umanità, ma anzi ha voluto espiare i peccati del mondo intero. 
Cristo è il rappresentante del nuovo popolo di Dio generato in un rinnovato Esodo: il passaggio dal peccato al possesso della vita divina. Egli è immerso nello Spirito Santo che scende dall’alto; i cieli, infatti, sono il simbolo dell’abitazione di Dio. La colomba, immagine dell’amore, indica la presenza dello Spirito Santo e manifesta l’intima unione tra il Padre e il Figlio che lega a sé tutta l’umanità. Lo scopo primario dell’incarnazione del Redentore è restare con l’uomo per agire nel cuore di ognuno operando insieme allo Spirito Santo e al Padre.
La formula usata dal Signore “questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento” sta ad evidenziare che Gesù è l’unico Figlio di Dio, il servo di Jahvè, unto con il suo Spirito Santo.
La vita divina viene donata ad ogni persona battezzata, nella quale scorre e si realizza così una nuova esistenza. Il cristiano partecipa alla missione di Gesù attraverso la vocazione specifica donata dallo Spirito Santo nel battesimo.
Col battesimo diventiamo capaci di capire le cose dell’Onnipotente e di ragionare come il Signore (fede), di avere i suoi stessi desideri e di operare per realizzarli (la speranza), di amare come ama Dio (la carità).
Per chi vive in Gesù le tenebre non esistono più. Il sacrificio è l’espressione visibile di un atteggiamento interiore che mette il Creatore, che ci ama fino all’impossibile, davanti a tutto.
Il Salvatore dà la forza per sostituire l’odio con l’amore. Egli è la giustizia che fa diventare giusti, la verità che libera dall’errore e ci fa mettere al posto della falsità e delle tenebre la verità e la luce.
Essere figli di Dio non solo ci fa gustare di essere amati da un papà, ma ci fa sentire come figli dello stesso Padre. La fraternità, l’amore di Dio rivolto al prossimo, non è solo un atto di buona volontà, ma il frutto dell’esperienza viva di un mondo nuovo.



Commento alle letture di Domenica 12 Gennaio 2014 di Paolo Ramonda  
(Responsabile Generale della Comunità Papa Giovanni XXIII fondata da don Oreste Benzi)

ECCO IL MIO SERVO CHE IO SOSTENGO. Non sei più servo, ma figlio. Ti dono il mio santo Spirito ci dice il Padre. Per portare la giustizia e il diritto alle nazioni, per vivere la condivisione con i poveri nei vari continenti. Per ascoltare, accompagnare, sostenere, gridando con la vita la verità. Avremo la forza del Signore per portare la bella notizia ai popoli, per una nuova evangelizzazione. Ti ho preso per mano ci dice Gesù. Ci dona un popolo, la sua chiesa, la comunità di vita dove possiamo esprimere il nostro amore concreto” perché tu apra gli occhi ai ciechi e faccia uscire dal carcere i prigionieri, dalla reclusione coloro che abitavano nelle tenebre”.
E’ il Signore di tutti. Il Battesimo è per tutti, la pace che viene dalla relazione con Cristo è per tutti nessuno escluso, senza preferenze di persone, anzi se c’è attenzione maggiore è per i poveri ed i piccoli. La penitenza, la sobrietà, l’essenzialità sono una base per potere accogliere il battesimo di fuoco, il dono dello Spirito Santo. Veniamo liberati dal demonio che ci circuisce ed attende, per farci cadere lontano dal bene. dice don Oreste Benzi “ esultate nel Signore, unitevi con questo desiderio profondo di essere del tutto di Gesù”.
Conviene che adempiamo ogni giustizia. Gesù il Figlio eterno del Padre si è fatto uno di noi, come noi, con noi eccetto il peccato. Si affida alle nostre mani come un bambino innocente, si lascia fare fino alla sofferenza della morte in croce, come un malfattore. In questo Figlio, il Padre ha messo la sua compiacenza, il suo volere pieno, il suo sì all’umanità malata per sanarla e guarirla. Il battesimo ci immerge totalmente nel progetto di Dio da ora per l’eternità. Un amore eterno, una alleanza da costruire giorno per giorno. Finalmente abbiamo capito la nostra missione sulla terra.
Maria è stata battezzata con il fuoco dell’amore di Dio, con il dono dello spirito Santo, con la presenza fisica del Figlio, e ha detto sì vengo per fare la tua volontà.

 

 

Commento al Vangelo di Don Oreste Benzi  
(Commento pubblicato su Pane Quotidiano, editore Sempre)

Gesù è uno in mezzo agli altri ed è come gli altri, cioè non si presenta nella sua potenza, ma si presenta nella sua umiltà. La gente lo riconosce in quella umiltà profonda in cui è mentre si reca da Giovanni per compiere un atto che, rispetto al popolo, è un atto di giustizia. Egli riceve il Battesimo che dava Giovanni. Uscendo dalle acque, con un segno visibile riceve la pienezza dello Spirito Santo, in quanto è vero uomo e viene manifestato nella sua missione.
Il Padre dice: «Questi è il mio Figlio prediletto nel quale io mi sono compiaciuto». Egli, in questo momento, manifesta pubblicamente quello che è l'esercizio del suo sacerdozio, il suo servizio profetico, il suo servizio regale. Cioè inizia la manifestazione della sua vita, rende santo ciò che tocca (funzione sacerdotale), perché è immerso nell'amore del Padre e nella sua volontà.
Poi inizia il suo servizio profetico e la rivelazione del disegno di Dio su tutta la realtà. Nel medesimo tempo inizia pubblicamente il suo servizio di liberazione di tutta la realtà dal male per fare trionfare il bene (servizio regale). 
Noi, uniti a Cristo, partecipiamo di questi tre aspetti dell'unica missione del Cristo: siamo resi partecipi del sacerdozio di Cristo, del suo servizio profetico e del suo servizio regale, cioè di liberazione di tutta la realtà dal male. Finalmente hai capito il senso del tuo vivere, la tua missione, quello per cui tu sei qui su questa terra.

Vivi la Parola

Papa Francesco

Vivi la Parola

Il blog di don Aldo Buonaiuto

Vivi la Parola

Segui tutte le celebrazioni di Papa Francesco in DIRETTA TV

LINK UTILI

LINK UTILI - Vivi la Parola

Sito ufficiale della Santa Sede

LINK UTILI - Vivi la Parola

Sito ufficiale della Conferenza Episcopale Italiana

LINK UTILI - Vivi la Parola

Sito del quotidiano cattolico Avvenire

LINK UTILI - Vivi la Parola

Sito dell'agenzia di informazione religiosa

LINK UTILI - Vivi la Parola

Il mondo visto da Roma: sito dell'agenzia internazionale di informazione religiosa

LINK UTILI - Vivi la Parola

Sito del settimanale della diocesi di Fabriano-Matelica

LINK UTILI - Vivi la Parola

Il Vaticano oggi

Vivi la Parola

Il bimestrale tascabile che ti offre la Parola di Dio di ogni giorno

Vivi la Parola

IN TERRIS: Quotidiano internazionale on line